“Batteria ai nanodiamanti auto-alimentata”: dovrebbe bastare il titolo…

La mia timeline è impazzita questa mattina per un annuncio proveniente dagli USA che riguarda una batteria ai nanodiamanti che si autoalimenta grazie al decadimento beta (=elettroni) proveniente dal C14 a sua volta proveniente da scorie di centrali nucleari.

Nell’ipotesi che nei prossimi giorni venga riportata in modo distorto, posto questo “commento preventivo”.

https://newatlas.com/energy/nano-diamond-self-charging-batteries-ndb/

Si tratta di una tecnologia che ad andar bene arriva sul mercato tra 5 anni, ma ho letto con attenzione la storia perché mi sento chiamato in causa: se non c’è bisogno di caricarla, non c’è nemmeno bisogno di… caricatori!

Per fortuna, le cose non stanno proprio così: la carica tramite decadimento beta è molto ma molto lenta: il dispositivo è a tutti gli effetti un supercondensatore che si carica  intercettando gli elettroni provenienti dagli isotopi radioattivi di C14 per poi sparare fuori l’energia, ma una batteria da 64kWh come quella nella mia Kona realizzata con la tecnologia NDB avrebbe un volume di 23.000 metri cubi!

Se fossi un malpensante, potrei immaginare che si tratti di un tentativo di raccogliere un po’ di milioni da investitori non troppo preparati per poi… scappare con la cassa!


#battery_tech #EV


Una risposta a "“Batteria ai nanodiamanti auto-alimentata”: dovrebbe bastare il titolo…"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.