Dimensionare l’infrastruttura di ricarica più efficace.

ENG

Ad un recente evento dove si parlava di infrastrutture di ricarica uno dei relatori, Manuel Fernandes (Presidente Tritium Europe) ha dimostrato, conti alla mano, che a parità di investimento si servono molti più clienti con una infrastruttura Fast DC (e più è veloce, meglio è, dice la slide) che con una infrastruttura AC, presentando questa infografica:

(attenzione all’errore: l’ultima riga indica il numero totali di sessioni che si riescono ad effettuare ogni giorno sulla rete installata col milione di euro, ed è il prodotto delle due righe precedenti: nella colonna dei 22kW la moltiplicazione è evidentemente sbagliata e dovrebbe dare come risultato 16*140=2.240 anziché 340)

È una tesi che mi trova in linea di principio d’accordo anche se i calcoli (oltre all’errore materiale indicato sopra) contengono alcune grossolane imprecisioni che sento il bisogno di correggere. Questa tabella è il foglio di calcolo col quale sono stati ottenuti i numeri della infografica, a cui ho aggiunto un paio di righe:

  • COSTO UNITARIO – dividendo l’ipotetico milione di euro disponibile per il numero di stazioni installate otteniamo il loro costo unitario ma è evidente che le spese di installazione NON SIANO INCLUSE: a titolo di mero esempio, si consideri che il solo contatore necessario per erogare 350 kW di potenza costa circa 25.000 euro ! Dunque a questi importi vanno aggiunti i costi medi di installazione.
  • OCCUPANCY – moltiplicando la durata della sessione (righe “tempo”) per il numero di clienti che si avvicendano sulla singola stazione (riga “clienti”) si ottiene il tempo di occupazione della stazione; dato che non è possibile imporre ai nostri clienti di puntare la sveglia alle 3 del mattino per andare a fare rifornimento, abbiamo stimato in 18 ore giornaliere la disponibilità totale. Dividendo occupazione per disponibilità otteniamo il tasso di occupazione (che ovviamente non può mai essere superiore al 100%) e che può anche essere interpretato come la probabilità che arrivando alla stazione, il cliente la trovi occupata: maggiore questa probabilità, più bassa sarà la qualità del servizio percepita, soprattutto considerando che, almeno in Italia, il tasso di occupazione della pompa di benzina è prossimo allo zero; a mio parere il tasso di occupazione massimo non dovrebbe mai superare il 33%.
  • POTENZA EFFETTIVA – la prima riga della tabella riporta la potenza di cui sono dotate le varie stazioni; nel mondo reale però, essa non corrisponde sempre alla potenza a cui viene fatta la ricarica, dato che non sempre il veicolo è in grado di accettarla: in particolare, sono pochissime le vetture che caricano in AC sopra gli 11kW e nessun modello attualmente supera i 210kW in DC: si tratta di veicoli estremamente costosi che certamente non rappresentano né mai rappresenteranno la media del parco. Valori più realistici sono perciò 11kW AC e 100kW in DC.

Ho dunque riformulato la tabella tenendo conto di queste correzioni: costo realistico in opera, tassi di occupazione ragionevoli e potenze di ricarica reale. Ho anche inserito una ulteriore colonna da 100kW per ragioni che appariranno evidenti fra poco; la nuova tabella risulta così composta:

Sintetizzando, il numero di sessioni è massimo quando la potenza della rete è pari a quella massima accettata mediamente dall’auto; aumentare ulteriormente la potenza della rete fa solo salire i costi senza far diminuire il tempo di ricarica.

Dunque le AC non servono? tutt’altro: nel caso della ricarica notturna (in cui l’auto cioè non si muoverebbe comunque) esse rappresentano la soluzione migliore e più economica, ma al di fuori di quello scenario rappresentano una soluzione meno che ottimale.


Una risposta a "Dimensionare l’infrastruttura di ricarica più efficace."

  1. Molto interessante. Lo sapranno anche le Amministrazioni Pubbliche Italiane? A Reggio Emilia il Comune ha pianificato oltre 200 punti di ricarica privati, su suolo pubblico od accessibile a tutti.
    Avranno un senso tante colonnine?
    Qualche investitore sarà interessato, a sue spese a questi investimenti? Oppure ci si orienterà sempre più alle fastcharge quindi non ne serviranno comunque tante?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.