Idrogeno come storage

Già da qualche giorno avevo in animo di scrivere un post su ruolo dell’idrogeno come storage in un mondo dove l’elettricità diventa troppo abbondante.

È arrivato prima di me, con molta maggiore competenza, Traver Kennedy, Presidente e AD di Joi Scientific, società leader nell’idrogeno.

Dunque tanto vale che vi leggiate il suo.

Prendendo spunto dai numerosi commenti, è chiaro che il processo di conversione energia – idrogeno – energia ha un rendimento inferiore all’unità, così come qualsiasi altra forma di stoccaggio (pompaggi, elettrochimico, ecc.). Certo, questi rendimenti possono salire grazie alla ricerca ma ognuno è anche caratterizzato da costi indiretti (chiedete a chi vive vicino ad una diga…) che ne rendono non universale l’applicabilità. La soluzione non è dunque rappresentata da UNA tecnologia, ma da un insieme di esse, ciascuna applicata nella situazione più prossima all’ideale.

Aggiungo solo che un mondo ove l’elettricità è molto abbondante è quello che ha ispirato nel secolo scorso coloro che con preveggenza investirono nel nostro sistema idroelettrico, del quale l’idrogeno è un complemento e che già oggi i consumi elettrici nel nostro paese sono in significativa riduzione:Andamento consumi elettrici Italia (tendenziale).png

Un fenomeno del quale personalmente ho preso piena coscienza all’epoca del progetto di riqualificazione energetica della mia abitazione, grazie al quale ho sostanzialmente annullato i miei costi di energia elettrica.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...